martedì, aprile 10, 2018

Ciao Napoleone

Ciao Napoleone


"Ciao Napoleone” in concorso a Cartoons on the Bay 2018, international competition

Giovedì 12 aprile 2018 alle 20:00 appuntamento al Cinema Ambrosio di Torino dove verrà proiettato in concorso a Cartoons on the Bay il lungometraggio d’animazione “Ciao Napoleone”.

Il film - in gara per il Pulcinella Award - racconta la storia di un’amicizia emozionante e inattesa, quella tra l’imperatore Bonaparte in esilio e tre ragazzini dell’isola d’Elba.

Lontano dai campi di battaglia, Napoleone si rivelerà umano, simpatico e vulnerabile agli occhi di Giuseppe, Nora e Francesco. Ai quali darà qualche dritta per avere la meglio su alcuni bulletti.

I tre, in cambio, diverranno le sue “orecchie” sull’isola.

Ciao Napoleone


La regia è di Fabio Di Ranno, che firma soggetto e sceneggiatura insieme a Valeria Giasi.
Character designer, Igor Chimisso.

Le musiche sono di Dario Vero, la produzione è di  è di Mondo TV Group.

Questa la pagina Facebook dedicata a Ciao Napoleone

Mondo Tv Group

lunedì, aprile 09, 2018

Napoleone e Luisa di Prussia

Molto bello il dipinto di Jean Charles Tardieu raffigurante l'incontro di Tilsit tra l'Imperatore e la regina di Prussia Luisa.
Il quadro è custodito a Versailles presso il Museo del Castello

Napoleone a Tilsit

mercoledì, febbraio 14, 2018

Bonaparte o Buonaparte?

Una curiosità storica sul cognome di Napoleone.


Nei primi anni della sua ascesa al potere, Napoleone quando firmava utilizzava il cognome Buonaparte. Da un certo punto in poi, però egli abbandonò del tutto  la forma italiana del suo cognome per passare a Bonaparte.

le firme di napoleone


La spiegazione universalmente accettata è che egli intendesse eliminare ogni riferimento alle sue origine italiane che erano palesi nel cognome Buonaparte.

In maniera dispregiativa molti avversari e anche molti scrittori continuarono a scrivere il cognome dell'Imperatore con la U volendo, invece sottolineare le origini corse e italiane della famiglia di Napoleone e il suo poco essere francese. Non dimentichiamo, infatti che la Corsica era diventata francese solo pochi mesi prima la nascita di Napoleone, per la cessione della stessa ad opera della repubblica di Genova.

Related: Corsica e l'esilio di Seneca

E' molto probabile che Napoleone abbia deciso di eleimnare la U dal suo cognome per le ragioni di cui sopra, ma in effetti questa è una polemica sterile ed incocludente. Basta fare riferimento all'atto di nascita di Napoleone nel quale il padre si firma Carlo Buonaparte, ma Napoleone vi compare come Bonaparte. Questo vuol dire che erano usate fin dalla origine entrambe le forme

Approfondimenti:

Napoleone;
Biografia Treccani



martedì, ottobre 17, 2017

Ritrovato un busto di Napoleone di Rodin del valore di 12 milioni di dollari

Una scoperta che ha del sensazionale.

Un busto initolato "Napoleon enveloppé dans ses réves", Napoleone avvolto nei suoi sogni è sttao ritrovato nelle sale del municipio di Madison.

auguste rodin napoleon


Il valore dell'opera si aggira intorno alla straordinaria cifra di 12 milioni di dollari.

Cerchiamo di capire come si è giunti alla scoperta.


L'opera di Rodin era stata acquistata in origine dal magnate del tabacco Thomas Fortune Ryan che dal 1915 al 1929 aveva prestato l'opera al museo metropolitano d'arte di New York.

Entra in scena a questo punto Geraldine Rockfeller, figlia del super magnate William, grande appassionata d'arte che acquista l'opera.
Geraldine Rockefeller Dodge lo acquistò nel 1934 e la spedì a Madison, New Jersey insieme ad altri capolavori.

La Rockfeller viveva a Madison nel New Jersey e decora il municipio di Madison con le opere che possiede. La collezione della ricchissima figlia di Willian Rockfeller, non è però catalogata per bene per cui del Napoleone di Rodin si perdono le tracce.

Napoleon enveloppé dans ses réves
Il busto di Napoleone  si trovava in un angolo del Memorial Building di Hartley Dodge ed è stato lì per decenni senza che nessuno lo notasse

Tutto ciò fino al 2015 quando una giovane archivista Mallory Mortillaro viene assunta dalla Fondazione per catalogare una collezione di foto. La Mortillaro si accorge dell'opera di Auguste Rodin ed è lo stesso Direttore della Fondazione Nicolas Platt a descrivere come avvenne la scoperta.

Platt riferisce come in una piovosa giornat di dicembre la Mortillaro si avvicina al busto di Napoleone chiedendo di che si trattasse. Nessuno seppe rispondere. La Mortillaro accarezzò la statuia e trovò un cesello con la firma di Rodin.

Da quel momento in poi vengono consultati i massimi esperti per avvalorare la scoperta fino al momento in cui la stessa è stata autenticata da  Jerome Le Blay


Ora il Napoleon enveloppé dans ses réves sarà esposto al museo d'arte di Philadelphia